Ricciardo ha conquistato la sua prima pole position al GP di Monaco, utilizzando la nuovissima mescola P Zero Purple ultrasoft, che si è dimostrata più veloce di oltre mezzo secondo al giro rispetto alla P Zero Red supersoft. Questo ne ha fatto la scelta principale per le qualifiche.

gp-monaco-qual

La mescola più morbida del range Pirelli è stata, infatti, usata da tutti i piloti dall’inizio alla fine, con l’eccezione della Force India, che ha usato la supersoft nel Q1 e nella Q3, e di Ricciardo, che nel Q2 ha fatto il suo miglior tempo sulle supersoft, mescola con cui domani inizierà quindi la gara. Il tempo della pole dell’australiano di 1m13.622s è stato di quasi un secondo e mezzo inferiore a quello della pole position dello scorso anno. Con il circuito aperto alla normale circolazione stradale dopo la gara della GP2 e le prove libere di giovedì, a Monaco non si ha una normale evoluzione della pista nel corso del weekend.

Per questo, l’ultima sessione di prove libere di questa mattina è stata determinante per valutare i livelli di grip prima delle qualifiche. La temperatura della pista ha raggiunto oggi i 48°C: la più alta finora nel corso del weekend.

Come spesso avviene a Monaco, durante le qualifiche ci sono state delle interruzioni dovute a incidenti e domani un’eventuale safety car avrà una notevole ripercussione su strategia e risultato finale.

QUALIFICHE TOP 10

  1. Ricciardo 1m13.622s UltraSoft – New
  2. Rosberg 1m13.791s UltraSoft – New
  3. Hamilton 1m13.942s UltraSoft – New
  4. Vettel 1m14.552s UltraSoft – New
  5. Hulkenberg 1m14.726s UltraSoft – New
  6. Raikkonen 1m14.732 UltraSoft – Used
  7. Sainz 1m14.749s UltraSoft – New
  8. Perez 1m14.902s UltraSoft – New
  9. Kvyat 1m15.273s UltraSoft – New
  10. Alonso 1m15.363s UltraSoft – New

Strategia per la gara: le due soste in teoria sono la strategia più veloce a Monaco, ma questo senza considerare i problemi di traffico e sorpassi, due delle sfide maggiori nel Principato. Quindi, a tutti gli effetti, per la gara potrebbe essere più probabile una sola sosta. In questo caso la tattica ideale sarebbe: partire sulle ultrasoft, passare alle soft nel giro 18. La strategia più veloce su due pit stop è: partire sulle ultrasoft, passare alle ultrasoft di nuovo nel giro 14, poi alle soft nel giro 28.

No more articles