LIBERA SCELTA DEL MODEM / ROUTER, ORA E’ REALTA’! – CONFIGURAZIONE CON TIM


Notizia che è passata un po’ in sordina, perchè si sa, in Italia le leggi che vanno a favore del consumatore vengono divulgate con molta attenzione e parsimonia, ma dal 1 GENNAIO 2019 tutti gli utenti con un contratto ADSL o FIBRA potranno utilizzare a piacimento il modem router che preferisco, senza essere obbligati a pagare a rate gli odiosi TECNICOLOR forniti da telecom e compagnia bella.

QUINDI COSA CAMBIA DAL 1° GENNAIO ? Beh, ogni operatore è obbligato per legge a fornire, al cliente che ne fa richiesta,  la configurazione e i dati di accesso alla propria rete ADSL / FIBRA, e poi, sarà il consumatore finale a scegliere se utilizzare un modem fornito dalla società di telefona fissa o utilizzare un proprio modem router.

Nel mio caso, con TIM, ho reperito sul sito dell’assistenza TIM la configurazione per l’accesso alla banda larga, mentre il VOIP va richiesto a TIM. Ma attenzione, non basta chiamare il 187, perchè per telefono non vi daranno un bel niente, ma dovrete:

“entrare con le credenziali di accesso nella tua area privata MyTIM  e Apri una Segnalazione nell’ambito Internet con la richiesta Parametri TIM per modem generico indicando un numero di cellulare. “

dopo aver fatto tutta questa procedura, riceverete nel giro di pochi minuti, un sms con un link da cliccare solo quando vi troverete sotto copertura della vostra linea internet.

Eccovi quindi i parametri in base al tipo di connessione:

CONNESSIONE ADSL

  • USERNAME:  numero_telefonico
  • PASSWORD: timadsl
  • PROTOCOLLO: PPPoE Routed  (definito come RFC2516)
  • INCAPSULAMENTO: ATM LLC
  • NAT: attivo
  • VPI: 8
  • VCI: 35

CONNESSIONE FIBRA FTTC

  • USERNAME: numero_telefonico
  • PASSWORD: timadsl
  • PROTOCOLLO: PPPoE Routed (definito come RFC 2516)
  • INCAPSULAMENTO: PTM
  • NAT: attivo
  • VLAN: 835

Attenzione il router deve supportare lo standard VDSL2 con spettro 8b e 17a e il supporto allo spettro 35b.

CONNESSIONE FIBRA FTTH

  • USERNAME: numero_telefonico 
  • PASSWORD: timadsl
  • PROTOCOLLO: PPPoE Routed (definito come RFC 2516)
  • INCAPSULAMENTO: VLAN Ethernet 802.1q
  • NAT: attivo
  • VLAN: 835

Attenzione: il router deve avere una GIGABIT Ethernet Full-Duplex Auto-Sensing con protocollo Ethernet

SERVIZIO VOIP

Il servizio VoIP può essere attivati solo se avete la linea in tecnologia FTTC e FTTH.

Per ottenere le credenziali, dovrete utilizzare la procedura indicata sopra. (TIM vi fornirà ID LINEA, SIP e KeyOutbound Proxy)

In ogni caso, alcuni modem/router potrebbero richiedere alcuni parametri aggiuntivi, eccoli:

  • SIP Domain : telecomitalia.it
  • SIP Protocol : UDP Port 5060
  • Expire Time : Minimo 86400 secondi

Codec supportati :

  • Obbligatori: G.729, G.711 A-law
  • Codec opzionale : G.722
  • Gestione Fax e POS supportata con protocollo G.711 A-law e T.38
  • Packetization Time : 20ms
  • Supporto toni DTMF : RFC 2833 / RFC 4733
  • DSCP Marking : 40 (dec)
  • VAD (Voice Activity Detection) : disabilitato
  • Supporto 100rel (messaggio PRACK) secondo RFC3262 : abilitato
  • Supporto UPDATE, secondo RFC3311 : abilitato

Ora non resta che accedere al nostro modem/router ed inserire i vari parametri. Se posso darvi un consiglio, e volete fare un piccolo investimento, utilizzate i dispositivi di AVM, i famosi FRITZ!BOX. Nel mio caso, con la fibra 100 MB in FTTC, sto utilizzando il modello  FRITZ!BOX 7530 che supporta lo standard 35b, vanta il Wifi Dual BAND ed è dotato di tecnologia MESH, oltre a poter configurare i numero VOIP e sfruttare le porta Ethernet Gigabit!

La configurazione è estremamente semplice, infatti basta seguire le configurazione guidata e inserire i dati forniti da TIM quando richiesti. In ogni caso AVM mette a disposizione una pagina di supporto per la configurazione dei propri FRITZ!BOX con TIM, disponibile al seguente link >>

Infine, volevo spendere due righe sul discorso delle rate del modem addebitate mensilmente sulla mia fattura TIM (che sono stata obbligata a sottoscrivere per poter attivare la fibra): dopo una mia esplicita richiesta, mi è stato detto che

  1. Non posso rendere il modem
  2. Devo continuare a pagare le rate fino alla scadenza dei 48 mesi

Il tutto perché, TIM permette di rendere il modem solo per le utenze attivate a dicembre 2018, io che ho attivato la linea a novembre 2017 devo continuare a regalare 3,90 € al mese a TIM. 

Anche voi avete ricevuto la stessa risposta da TIM?

Previous RICARICA WIRELESS? LA SOLUZIONE DEFINITIVA ARRIVA DA CHOETECH
Next NAS SYNOLOGY DS418 - RECENSIONE

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami