Il Gran Premio di Monaco ha preso il via dietro la safety car in condizioni di bagnato, il che ha rivoluzionato le strategie per la gara, con tutti i piloti che hanno dovuto obbligatoriamente partire con i pneumatici Cinturato Blue full wet. La safety car è rientrata dopo sette giri e la maggior parte dei piloti è passata alle intermedie. Lewis Hamilton è stato uno dei due piloti a continuare con le full wet sul circuito che si asciugava, passando direttamente alle Purple ultrasoft dopo 31 giri.

monaco_Race

Il poleman Daniel Ricciardo (Red Bull), che aveva già montato le intermedie, è passato alle  supersoft un giro dopo, rientrando in pista alle spalle di Hamilton, scatenando un emozionante duello per la prima posizione.

Strategia alternativa adottata dalla Force India per Sergio Perez, terzo al traguardo dopo essere partito ottavo, passato dalle intermedie alle P Zero Yellow soft. Tutti e cinque i tipi di pneumatici portati a Monaco – full wet, intermediate, soft, supersoft e ultrasoft – sono stati usati durante la gara. Visto che la corsa all’inizio è stata dichiarata bagnata, non c’era infatti obbligo di usare almeno due mescole slick. Il pilota della Mercedes ha percorso ben 47 giri sulle ultrasoft, cosa mai vista prima nei test o nelle prove libere, stabilendo anche il giro più veloce nelle fasi conclusive.

Monaco, 29 May 2016.  EPA/SRDJAN SUKI

Per quanto riguarda la Ferrari ennesima delusione. Kimi va a sbattere al 12 giro, ma tanto era nel traffico non avrebbe fatto comunque nulla di utile, mentre Vettel prova con una tattica alternativa rientrando prima a mettere le medie, se inizialmente questa mossa sembrava vincente per riuscire ad uscire secondo al secondo pit, la realtà dei fatti è che una volta raggiunto Massa il campione tedesco è rimasto bloccato dietro senza riuscire a sorpassare e perdendo di fatto tutto il vantaggio che avrebbe dovuto accumulare con il pit anticipato (visto che quasi tutti erano ancora con le gomme wet). Poi la beffa, al secondo pit, Perez gli è stato davanti e addio sogni di gloria.

No more articles