FITBIT CHARGE 3 – IL RE DEI FITNESS TRACKER – RECENSIONE


COSA NE PENSO

Fitness tracter completo e ricco di funzioni. Rilevazione del battito cardiaco 24/7, monitoraggio del sonno e molte altre funzioni. Autonomia fino a 7 giorni.
La mia valutazione 8.8

Fitbit ha recentemente annunciato la disponibilità in Italia del nuovo Fitbit Charge 3: fitness tracker che unisce ergonomia, monitoraggio della salute e del sonno con una buona affidabilità.

L’ho utilizzato per oltre due mesi ed ora sono pronta a dirvi cosa ne penso.

Il design del Charge 3 è molto simile al suo predecessore, anche se devo ammettere che Fitbit ha lavorato per rendere Charge 3 più sottile ed ergonomico. Proprio a favore dell’ergonomia, le fasce del cinturino si inclinano maggiormente rispetto al passato, e il sistema di aggancio / sgancio del cinturino è più facile e sicuro.

Fitbit Charge 3 vanta una cassa in alluminio, mentre il cinturino fornito in dotazione è in gomma morbida, nel mio caso è grigio con una trama a rombi. Non sono presenti tasti fisici, ma solo un tasto soft-touch sul lato sinistro per accendere lo schermo (in alternativa è possibile fare un doppio tap sul display) e per tornare indietro dal menu, terminare l’attività sportiva o per spegnere sveglia.

Lo schermo è di tipo OLED in scala di grigi, molto semplice da utilizzare
grazie alla tecnologia touch, che permette di muoversi all’interno dei menu utilizzando gli swipe e i tap sul display.

Fitbit Charge 3 è dotato di diversi sensori tra cui troviamo:

  • accelerometro a 3 assi,
  • sensore ottico per il monitoraggio del battito cardiaco
  • Altimetro
  • Motore a vibrazione
  • Bluetooth 4.0
  • Sensore Sp02 che misura l’ossigenazione del sangue (al momento non viene utilizzato da nessuna funzione)

Manca il sensore NFC, che invece è presente nella Special Edition, che serve per effettuare i pagamenti con Fitbit Pay. E’ assente anche il GPS, ma è possibile utilizzare quello dello smartphone, cosi da poter monitorare in maniera precisa la distanza.

La grande novità rispetto ai precedenti fitness tracker di Fitbit, è che finalmente troviamo la certificazione IP68, per cui è possibile immergere Charge 3 e monitorare anche il nuoto, rilevando lunghezze e calorie bruciate. Purtroppo non è in grado di conteggiare il numero delle bracciate.

Grandi passi avanti sono stati fatti anche per l’autonomia. Fitbit dichiara 7 giorni di autonomia. Effettivamente i 7 giorni di autonomia si raggiungono con facilità, nonostante il rilevamento sempre attivo del battito cardiaco.

La ricarica completa avviene in circa 2 ore, utilizzando l’apposita basetta di ricarica USB. Personalmente, trovo questa soluzione poco pratica, perchè in caso di viaggi sono costretta a portarmi dietro un cavo in più.

Fitbit Charge 3 svolge molteplici funzioni, alcune possono essere visualizzate direttamente dal tracker, altre, come il monitoraggio del sonno, utilizzando l’applicazione gratuita messa a disposizione da FITBIT.

Ma non solo, infatti, grazie ai sensori di cui è dotato, permette la registrazione continua 24/7 del battito cardiaco, riportando poi, in un’apposita schermata all’interno dell’app, il grafico completo del battito cardiaco rilevato durante la giornata. Utilizzando questi dati, Charge 3 è in grado di capire in tempo reale, durante l’attività fisica, quando ci troviamo in una delle zone cardio (brucia grassi, cardio e picco).

Charge 3, come ogni buon fitness tracker, effettua il monitoraggio dei passi, fornendo poi anche una stima dei chilometri percorsi in un giorno, oltre alle calorie bruciate e persino il numero di scale effettuate nell’arco della giornata.
Come accennato in precedenza, Fitbit Charge 3 è in grado, durante la notte di monitorare automaticamente la qualità del sonno. Attraverso l’app, infatti, saremo in grado di visionare le vari fasi del sonno, suddivise in fasi di sonno leggero, profondo, REM e sveglio.

Con soddisfazione, inoltre, segnalo che Charge 3 è stato pensato anche per il pubblico femminile, in quanto riesce a tracciare i cicli mestruali ed è in grado di prevedere i giorni di ovulazione e fertilità.

Charge 3 è accompagnato e funziona in simbiosi con l’app FITBIT. L’applicazione, disponibile gratuitamente sia per iOS che per Android, permette di settare alcune importanti funzioni smart, come ad esempio la ricezione delle notifiche di email, whatsapp e gli avvisi di chiamata. Inoltre sono presenti funzioni aggiuntive per il monitoraggio delle calorie, permettendoci di inserire pasti e liquidi assunti, oltre a poter monitorare il peso con tanto di indice di massa grassa. Senza dimenticare tutte le funzioni legate all’attività fisica.

In conclusione, ritengo che Fitbit Charge 3 sia il miglior tracker presente sul mercato italiano. Un ottimo compagno per la propria attività fisica e per la vita di tutti i giorni. Ricco di funzioni complete, dettagliate e precise. Senza dimenticare l’ottimo software a corredo che rende unico Fitbit Charge 3.
Il suo prezzo è di € 149 per la versione base e di € 169 per la Special Edition con NFC.

[amazon_link asins=’B07G1H6VYF,B07B9W4V3Z,B01KSX374O,B06X9P2LGP’ template=’ProductGrid’ store=’geek4you-21′ marketplace=’IT’ link_id=’2c25a4ff-1370-11e9-b633-cd8205838994′]

Previous JABRA ELITE 65T - RECENSIONE
Next HUAWEI P SMART 2019 - lo smartphone pensato per i giovani a 249 euro

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami